mercoledì 25 aprile 2012

Sabato 5 maggio: Corso di panificazione con Pasta Madre

 
La pasta madre è un'impasto di farina e acqua che - fermentando - diventa il cosiddetto "lievito naturale". Il pane fatto con la pasta madre è più digeribile, più aromatico e si conserva più a lungo di quello fatto con il lievito di birra.
Bisogna sapere però come trattarlo. E proprio di questo vogliamo parlare durante gli incontri che organizzeremo in maggio nella nostra sede di Borgonovo.

Primo incontro: sabato 5 maggio 2012, dalle ore 10.00 alle 11.30 circa.
Luogo dell’incontro: “Bottega dell’Arte” a Borgonovo Val Tidone, Via Chiesa 3

Durante il primo incontro ogni partecipante riceverà un vasetto con circa 100 grammi di pasta madre, fresca e pronta per la panificazione, e naturalmente le istruzioni per mantenerla e utilizzarla...


Sono previsti 2 incontri consecutivi (data e luogo del 2° saranno stabiliti dai partecipanti stessi durante il primo incontro).

Il numero di partecipanti è limitato a 10 persone.
Costi del corso: Agli iscritti della Banca del Tempo della Val Tidone sarà chiesto un’assegno del valore “1 ora di tempo” per ogni incontro. Ai non-iscritti sarà chiesta una sottoscrizione di 5,00 Euro per ogni incontro.

I partecipanti sono pregati di portare al primo incontro:
un grembiule, una ciotola grande (tipo insalatiera), un canovaccio di cotone (per poter coprire la ciotola), un cucchiaio, circa 250 grammi di farina tipo 0 oppure 00 oppure Manitoba e – se possibile – una piccola spianatoia e una spatola piatta e larga in metallo. Chi non ha la spianatoia potrà usare quella di un’altro partecipante.

Per ulteriori informazioni e per iscriversi al corso potete venire nella nostra sede di Borgonovo “Bottega dell’Arte” (Via Chiesa 3, aperta sab.+lun. ore 10.00-12.30 e merc. ore 9.00-12.30) oppure scrivere un’email a bdtvaltidone@yahoo.it

2 commenti:

lalla ha detto...

Ma che pani stupendi, fanno venire l'acquolina .....non è che dopo il tuo corso ci ritroviamo tutte belle rotondette!!!!!!!!

helga ha detto...

Eh sì Lalla, potrebbe anche succedere. Per esperienza personale ti posso dire che i momenti più pericolosi sono quando il pane è ancora tiepido e lo assaggiamo per vedere se è venuto bene anche questa volta (non si sa mai...:-) E hoplà, come per magia sparisce subito la metà ^__^